Rivalutazione Terreni e Partecipazioni imposta sostitutiva versata in modo errato od omessa
 
    
Contenzioso Tributario Provvedimenti diniegoRivalutazione Terreni e Partecipazioni  
Rivalutazione dei terreni e delle quote sociali Riduci
 

Lo Studio Associato esamina la normativa inerente la rivalutazione di terreni e partecipazioni da circa 10 anni, oltre alla consulenza sulla corretta applicazione della stessa da parte dei clienti già acquisiti, ci occupiamo di assistere la nuova clientela on line (composta sia da altri studi professionali che persone fisiche o pmi) in tema di provvedimenti di diniego (o atti di rettifica e liquidazione o avvisi di accertamento) dell’imposta sostitutiva in precedenza applicata.

 

Attraverso il nostro know how e la professionalità dei partners  abbiamo ottenuto pieno accoglimento delle adesioni in autotutela e dei ricorsi presentati per quei soggetti che hanno omesso il versamento della prima rata o lo hanno effettuato in modo parziale ed errato.

Se ha necessità di una consulenza diretta alla elaborazione di una memoria difensiva o di un format di ricorso tributario (da firmare e spedire) può compilare il form sottostante ed entro 6 ore lavorative La ricontatteremo per: eventualmente richiederLe  altre informazioni o documenti che ci consento di avere una visione completa ed esaustiva; per inviarLe proposta di collaborazione che Le espone tempi e corrispettivi per la elaborazione della stessa. Il servizio è professionale e rapido perché si tratta di casi già affrontati e risolti

 

 
 
Esempio caso trattato e risolto di Imposta sostitutiva Riduci
 

 
 
 
UFFICIO di ________
 
 
 
                                                                                                                                 _________________2010
  
Oggetto: provvedimento di diniego rimborso, rivalutazione terreni crono _____
 
Premesso che:
 -      La contribuente proprietaria di  un terreno distinto al catasto terreni del comune di __________, al foglio __ particella _____ procedeva nel ______ alla rivalutazione del valore del terreno, ai sensi della Legge 448/200l  art. 5 e successive modifiche , affidando al geometra _______________ l'incarico di redigere perizia giurata lo stessa attribuiva all'intero appezzamento un valore di mercato stimato di €._____________.  
-      La contribuente effettuava i versamenti, in data _________ di ___________ in data ____________ per ________ e in data _____________di ________________. Tali importi corrispondevano all'imposta sostitutiva del 4% e relativi interessi, calcolato sul valore del  fondo di proprietà della ____________.  Nel _____.la contribuente procedeva a nuova valutazione del telTeno secondo nuova perizia giurata di stima dello stesso geometra attribuente, al terreno il valore commerciale presunto di ______________ed effettuava (non essendo ammessa compensazione con i precedenti versamenti ) in data _________il versamento parziale della prima rata per ___________in,___________la rimanente somma pari a _____________ avvalendosi delle disposizioni contenute nell'articolo 13 del Dlgs 472/1997 (ravvedimento operoso).  
-     In data ____________ versava l'intero importo della seconda rata di __________
-     L'Ufficio non accoglie la richiesta di rimborso.
 
La signora____________, infatti, era tenuta al pagamento della prima rata, per intero, nei termini di Legge ossia 30.06.2008 e solo per isuccessivi versamenti avrebbe potuto avvalersi delle disposizioni contenute nell' articolo 13 del Dlgs 472/1997.
 
L'adesione al nuovo regime è subordinata al pagamento dell'imposta sostitutiva e, in caso di pagamento rateale , al versamento della prima rata nei termini di legge. Dall' interrogazione in anagrafe tributaria il pagamento in questione risulta parziale rispetto alla scadenza e alla proroga, stabilita, in sede di riconversione, dal D.L. n° 97 del 3/06/2008 che, dettava al 31/1 0/2008 il nuovo termine .  Avverso il presente può essere presentato ricorso alla Commissione Tributaria Provinciale sotto indicata entro 60 giorni dalla sua notificazione, tenendo conto della sospensione dei termini del periodo feriale.  Il ricorso in bollo è proposto mediante notifica a questo Ufficio a norma degli articoli 137 e seguenti del codice di procedura civile, oppure mediante consegna o spedizione a mezzo plico raccomandato senza busta con avviso di ricevimento.  Entro 30 giorni dalla proposizione del ricorso, il ricorrente dovrà costituirsi in giudizio mediante deposito del ricorso presso la segreteria della Commissione Tributaria adita, secondo le modalità previste dell 'art. 22, comma 1, del citato decreto legislativo n. 546 del 1992.  

 
 
Contatti & Recapiti
 






Free counters!
Nwrwork Fiscale Srl Unipersonale 2012 - 2050 P.I. & C.F. 12059071006 Dichiarazione per la Privacy Condizioni d'Uso